Moto spesso trascurata, la scelta relativa all'hosting del sito, influenzata magari da considerazioni di carattere economico, può incidere negativamente sul posizionamento.

Fattori di hosting che incidono sul posizionamento

  • Uptime del server. Errori e crash frequenti di un server causano l'irraggiungibilità del sito. L'effetto, di per sé non bello dal punto di vista dell'immagine agli occhi dell'utenza, può essere deleterio agli occhi di uno spider. Se un server non risponde dopo vari tentativi, lo spider potrebbe rallentare la frequenza delle sue visite, far scendere man mano il sito nella SERP perché considerato poco affidabile, fino ad estrometterlo dall'indicizzazione se il down si protrae per qualche giorno perché considerato non più attivo.
    Alcuni server dichiarano un uptime del 99,9%, pari ad una media di circa 1 minuto e mezzo al giorno di down, ma anche se sembra trascurabile, ciò può causare effetti negativi, anche perché 1 minuto e mezzo al giorno è una media matematica, in realtà i down accadranno con frequenze minori ma per periodi più lunghi.
    Altri server invece arrivano a dichiarare un uptime del 99,99% o del 99,999% e anche oltre. Queste dichiarazioni teoriche andrebbero verificate perché sembrano più trovate di marketing risultando poco credibili in quanto, in caso di problemi, il tempo di down dichiarato non sarebbe sufficiente per effettuare nessun genere di interventi.
  • Tempi di risposta. Un tempo di risposta eccessivamente lungo del server nel trasmettere una pagina porterebbe ad una considerazione da parte dei motori di bassa qualità. Questa condizione costituisce un grave freno rispetto alla desiderata scalata della SERP.
    Il server quindi va monitorato per verificarne le prestazioni, soprattutto nelle ore di maggior traffico, misurando il tempo di download di una pagina.
    Tale misurazione può essere effettuata tramite tool disponibili in rete e i risultati ottimali dovrebbero essere, in millisecondi, inferiori a:
    Tempo massimo: 2.000
    Tempo medio: 1.000
    Tempo minimo: 500
  • IP condiviso. Un hosting normalmente consiste in uno spazio su un server condiviso, in cui possono essere presenti anche centinaia di altri siti, di cui si ignora il contenuto.
    Questo significa che se sullo stesso server, e con uno stesso IP, ci sono siti sgraditi o penalizzati, si subirà ignari l'identica sorte. Per evitare questo problema, se non si ha la possibilità di disporre di un server dedicato o server virtuale, bisogna assicurarsi di avere per lo meno un indirizzo IP per ogni sito. Questa considerazione vale anche se si possiedono più siti propri con link reciproci e unico IP, pratica che può essere considerata spam e portare al ban di tutti i siti.